Via Goito, 132/A - Padova 049 8825717 infofisioelan@gruppoelan.it

La Postura e la rieducazione funzionale

rieducazione posturale a Padova

Con il termine Rieducazione Posturale o Funzionale si intende un insieme di trattamenti successivi al lavoro fisioterapico che hanno come scopo il ritorno alle normali attività sportive e/o quotidiane.
Ri-educare significa letteralmente educare nuovamente una funzione, quindi si presuppone che si sia perso il corretto uso di un sistema che va rieducato alla normale funzione.

Purtroppo, patologie varie, lo stile di vita che a volte siamo costretti a seguire e a volte la stessa attività fisica ci espongono a rischi e a abitudini dannose
Lavoriamo seduti a scrivanie o sempre in piedi per ore, facciamo attività fisica dove ci esponiamo a rischi di infortuni, ci alimentiamo e muoviamo in modo scorretto creando i presupposti magari a danni che si renderanno manifesti in età più avanzata.

Nel momento in cui avviene un infortunano o si manifesta una patologia la prima cosa che succede è che il grado di attività della persona subisce un crollo, che dipende ovviamente dall’entità del trauma ma anche da quanto elevata era la capacità di performance della persona o dell’atleta stesso.

Ottenere dal recupero funzionale il miglioramento o la scomparsa del dolore è un obiettivo fondamentale ma non sufficiente. L’obiettivo pieno è raggiunto solo quando viene restituita una mobilità ed una forza adeguata associata al pieno recupero del sistema cardiocircolatorio nel più breve tempo possibile e secondo le possibilità della persona

Con il termine Rieducazione Funzionale si intende proprio l’insieme dei trattamenti concomitanti e successivi al lavoro fisioterapico che hanno come scopo il ritorno alle normali attività.

In questa fase vengono posti nuovi obiettivi che vengono perseguiti con un ordine programmato: si parte dal recupero dell’articolarità del movimento e della flessibilità per proseguire con il recupero della forza, il recupero della coordinazione e della propriocezione (capacità di percepire il proprio corpo nello spazio), ed infine giungere al completo recupero del gesto desiderato (atletico e non).